Siniscola - Ferratura ruota del carro - Baronia Fotomania

Zona operativa principale: l'alta Baronia

Siniscola, Posada, Budoni

Contatti

baroniafotomania@gmail.com

+39 389 00 40 795

Vai ai contenuti

Menu principale:

Siniscola - Ferratura ruota del carro

GALLERIE FOTO
Sa erratura ‘e su carru
29.05.2016 - La ruota, il ferro, il fuoco e l’acqua

Spettacolare, ancestrale, tradizionale, ingegnoso…sono tutte caratteristiche che possiamo attribuire a questa pratica lavorativa ormai scomparsa da tempo nelle attività artigianali di Siniscola, ma che sopravvive nel cuore e nella memoria degli anziani.
E fortunatamente, si trova ancora qualche “mastru erreri” (maestro del ferro, fabbro) capace di metterla in atto. È il caso di Ziu Nenneddu Mele che continua questa antica lavorazione e la propone ai giovani con rinnovato entusiasmo.
La ferratura sembra una lavorazione semplice, ma richiede una grandissima esperienza e abilità rare nella gestione e nella lavorazione del ferro. Si procede, innanzitutto, accendendo un grosso fuoco all’aperto, circoscritto da un cerchio di pietre per mantenere la temperatura delle braci.
Si lascia a scaldare per ore nel fuoco un grosso cerchio di ferro, di diametro superiore alla ruota che andrà a ricoprire, quando è incandescente si preleva dal fuoco con grande attenzione e con strumenti di antica memoria. Si fissa sulla ruota in legno, subito bagnata da abbondanti secchiate d’acqua per restringere il ferro attorno al legno e per evitare che il legno stesso prenda fuoco. Il tutto sotto l’occhio attento, vigile ed esperto di Ziu Nenneddu.
I sui validi aiutanti, tutta una famiglia: fratelli e nipoti che assieme modellano il ferro a misura del legno, lo raffreddano e lo modellano con precisi colpi di martello. L’operazione di raffreddamento è lunga: il pezzo ora completo va immerso in un contenitore d’acqua fredda e corrente e fatto girare fino al totale raffreddamento che ne completerà l’adesione precisa al legno.
Un momento di grande concentrazione, quindi, ma anche di vita sociale, che rievoca i tempi in cui nelle fucine dei fabbri e nei cortili degli artigiani ci si riuniva per parlare, mentre intorno la vita dei bambini e delle donne scorreva tranquilla, tra giochi, faccende e lavori quotidiani.
Ed è questo lo spirito che il comitato per i festeggiamenti in onore di San Giovanni Battista (leva 1978), promotrice dell’evento inserito nella manifestazione “primavera in baronia 2016” ha voluto mettere in risalto, organizzando, oltre alla ricostruzione di un antico lavoro artigianale, anche una giornata di divertimento, buon cibo, canti, balli e …bella gente!

Progetto curato da Arianna Tola, immagini di Marosa Sanna e Migù Carzedda (soci BFM).
Torna ai contenuti | Torna al menu