Incontri fotografici - Stefano Pia - Baronia Fotomania

Zona operativa principale: l'alta Baronia

Siniscola, Posada, Budoni

Contatti

baroniafotomania@gmail.com

+39 389 00 40 795

Vai ai contenuti

Menu principale:

Incontri fotografici - Stefano Pia

PROGETTI > Incontri fotografici
Baronia Fotomania organizza il quinto incontro fotografico, stavolta col fotografo di reportage Stefano Pia:

SABATO 9 APRILE 2016 - ORE 19:30

Fotogiornalismo, reportage, street photography, reportage sociale: questo è il mondo di Stefano Pia. Classe 1978, incontra la fotografia nel 2005, che da allora diventa parte integrante della sua vita.
Ha esposto i suoi lavori in mostre personali, in Sardegna e in diverse città italiane.
Negli anni 2014/15 la giuria del concorso "Sardegna Reportage"  seleziona i suoi lavori tra i migliori e verranno esposti al Museo Man in  concomitanza con le mostre di Robert Capa e di Vivian Maier.

Dice Stefano: “Lo studio individuale, il cercare di capire come hanno ragionato i grandi autori del passato e di oggi ma soprattutto una ricerca continua di uno scatto o di un gruppo di immagini che possono  raccontare qualcosa di interessante o addirittura  di unico: un'ambizione tanto interessante quanto non facile. La strada è una platea accessibile in cui si svolgono di continuo azioni, dove passano le storie, da quelle piu semplici a quelle che si scrivono nei libri di storia.”
La Street Photography è un genere ampio, che richiede tanta pazienza, fantasia e sicuramente un po’ di fortuna. Cercare continuamente un punto di vista singolare in scene di vita quotidiana, nell’attualità, nelle nostre strade presuppone uno spirito d’osservazione vivacissimo, e fotograficamente, un’ottima velocità di esecuzione. Poco tempo per pensare a tecnicismi, cogliere l’attimo o la situazione particolare, senza esitazione.


BIO: Stefano nasce nel 1978 e vive attualmente a Mogoro. Frequenta il suo primo corso di fotografia nel 2005 ed il suo crescente interesse lo porta in seguito a frequentare vari workshop, sul fotogiornalismo, sul reportage e corsi di approfondimento sulla lettura strutturale dell'immagine. Il reportage sociale è il genere fotografico sul quale si è maggiormente concentrata la sua attenzione. Ha esposto i suoi lavori in mostre personali, in Sardegna e in diverse città italiane. Negli anni 2014 e 2015 la giuria del concorso "Sardegna Reportage" seleziona i suoi lavori tra i migliori e verranno esposti al Museo Man in concomitanza con le mostre di Robert Capa e di Vivian Maier. Sue immagini sono state pubblicate da diverse riviste e quotidiani nazionali come IN VIAGGIO, BELL'ITALIA, INSIDE MAGAZINE, IL FOTOGRAFO ed IL CORRIERE DELLA SERA. È L'ideatore del Bìfoto (Festival della Fotografia in Sardegna) e dal 2011 insieme al fotografo Vittorio Cannas ne cura l'organizzazione.

L'incontro è organizzato da Arianna Tola, socia BFM.
L' incontro si terrà a Siniscola in via Flumendosa (coordinate GPS 40.570982, 9.64576),
nella sede dell' Unione dei Comuni del Montalbo (ex Comunità Montana)
Sabato 9 Aprile 2016 alle ore 19:30
Il post-incontro con Stefano Pia

La serata è stata ricca di fotografie e di aneddoti sulla street photography.

Ricordiamo che la street photography ("fotografia di strada") è un genere fotografico che vuole riprendere i soggetti in situazioni reali e spontanee in luoghi pubblici al fine di evidenziare in maniera artistica alcuni aspetti della società. Tuttavia, la street photography non necessita la presenza di una strada o dell'ambiente urbano. Il termine “strada” si riferisce infatti ad un luogo generico ove sia visibile l'attività umana, un luogo da osservare per catturarne le interazioni sociali. Di conseguenza il soggetto può anche essere del tutto privo di persone o addirittura un ambiente dove un oggetto assume delle caratteristiche umane.
L'inquadratura e il tempismo sono degli aspetti chiave di quest'arte; lo scopo principale infatti consiste nel realizzare immagini colte in un momento decisivo o ricco di pathos. In alternativa, uno street photographer può ricercare un ritratto più banale di una scena come forma di documentario sociale.
Molto di quanto oggi rientra sotto il nome street photography venne definito nell'epoca che copre la fine del XIX secolo fino alla fine degli anni settanta, un periodo che vide la progressiva affermazione delle macchine fotografiche portatili. Durante il corso della propria evoluzione, la street photography ha fornito una testimonianza assai ampia e dettagliata della cultura di strada. L'avvento della fotografia digitale, unita alla crescita esponenziale della condivisione di foto tramite Internet, ha gradualmente ampliato la consapevolezza del genere e di coloro che praticano la street photography.
Stefano Pia, che ricordiamo è il promotore di BìFoto (Festival della Fotografia in Sardegna) assieme a Vittorio Cannas, ha descritto i suoi progetti fotografici portati avanti con pazienza e dedizione. Il tempo a disposizione ci ha impedito di presentare tutti e 7 i suoi progetti, ma sarà un' occasione per un incontro prossimo futuro.
La serata non è stata una semplice carrellata di foto ma Stefano ha descritto con precisione certosina le difficoltà, le tecniche adottate per le sue fotografie, le interazioni con le persone o con i paesaggi, tutte le qualità che deve avere un bravo fotografo che si cimenta in questo modo di fare reportage fotografici. Ma non solo, anche gli sviluppi dei progetti tradotti in mostre e in presentazioni in Sardegna e a Milano, il BìFoto Festival, la sua storia e gli eventi futuri.
Stefano qui ha gentilmente fatto un sunto dei progetti presentati:
Il 1° lavoro presentato si intitola BASALTO ed un reportage che va alla ricerca di soggetti che siano testimonianza di ciò che per me è la mia identità di sardo e di Sardegna.
Il 2° si intitola ASSALTO ALLA BATTIGIA, un lavoro che vuole descrivere la confusione ma anche la bellezza delle spiagge in Sardegna in piena alta stagione.
Il 3° è PENNE  DI QUAGLIA, ho seguito per alcune giornate diversi cacciatori e sono stato testimone di quanto ormai scarseggia la fauna sia migratoria che stanziale. Un racconto fotografico per far riflettere sulla politica ambientale e sulla gestione del calendario venatorio.
Il 4° si intitola NAZIONALI SENZA FILTRO ed un lavoro di genere Street, immagini scattate in varie città  italiane.
Il 5° Sì intitola KILOMETRI ZERO, un lavoro sempre di Street, questa volta nel mio paese, per raccontare la quotidianità lungo le sue strade.
Qui un breve video riassuntivo della serata
I progetti del reporter Stefano Pia
Torna ai contenuti | Torna al menu